Home Mission Parchi Viaggi Eventi Multimedia Contatti
Il Magazine I Numeri Catgorie Almanacco Contatti
Menu
Categorie
IntervisteLibri ApertiLifestyleAmbiente e TerritorioPaesaggi SonoriCucina LetterariaStorie in CamminoA passeggio nel mondo

Eugenio Montale e Carmelo Bene: l'arte della (non) convivenza

26 Novembre 2020
Eugenio Montale e Carmelo Bene: l'arte della (non) convivenza
I due Artisti erano come il giorno e la notte, l’ordine e il disordine, Apollo e Dioniso. di Caterina Lucia

Abbiamo tutti sentito parlare di universi alternativi. Molti teorici ritengono che la nostra realtà sia solo una delle infinite frequenze coesistenti all'intero di un multi-verso. C'è chi sostiene che la nostra realtà sia continuamente visitata da esseri provenienti da altre dimensioni e c'è chi è convinto che qualsiasi decisione assunta da qualsiasi essere umano creerebbe dal nulla nuovi universi nei quali prenderebbe corpo ognuna delle possibili scelte opzionabili, in una intricata ramificazione ad albero costruita da tutte le possibili scelte e relative conseguenze. Non è raro che tra le varie mie elucubrazioni mentali, mi soffermi a riflettere sulla straordinarietà convivenza temporanea tra Eugenio Montale e Carmelo Bene, due universi non solo paralleli. 
 Antonio Giusti, che Eugenio Montale soprannominava Rimbaud dell’industria, racconta la strana e idiosincratica convivenza tra il grande poeta e il Maestro del Grande Teatro Carmelo Bene, entrambi suoi ospiti nella casa del Forte, dove passavano gli amici di quel tempo: da Pietro Barilla a Nino Tirinnanzi, da D.H. Lawrence a Henry Moore. E come capita spesso tra grandi personalità che riconoscono l'immensa grandenza dell'altro, così è risaputo che Carmelo Bene recitava a memoria La casa dei doganieri e altre poesie di quel poeta che diceva di non amare assolutamente. L'incontro fra Montale e Bene nella casa di Giusti fu pieno di scaramucce e frecciate. Eppure, si capiva che i due si stimavano.

Bene sparlava del poeta e Montale rispondeva accusando ironicamente il gatto di casa di tutto quello che l'attore combinava. Per Carmelo Bene anche la vita quotidiana era un palcoscenico. Recitava nelle notti insonni  e costringeva Giusti e la moglie a turni di veglia per assecondarlo. Ogni sera coinvolgeva tutti in improvvisate messinscena di Shakespeare, attribuendo i ruoli più disparati agli astanti coinquilini.
Montale si divertiva con Bene. In lui trovava una risposta alla sua sorniona vitalità. Una volta l'attore e la Mancinelli improvvisarono, nel salotto, un violento Ubu roi sfasciando piatti e Montale s'impressionò a tal punto che Alberto Mondadori, lo dovette condurre fuori dalla portata di Carmelo Bene. 
Famose anche le scenate di gelosia della sua compagna, Lydia Mancinelli. Una notte Carmelo Bene stava dichiarando a voce alta il suo amore a una giovane ragazza. La donna origliava dalla porta e a un certo punto, racconta Giusti «uscì come una pantera affamata, scacciò la poveretta terrorizzata e si gettò su Carmelo per sbranarlo. Non lo sbranò, ma con un morso gli staccò il lobo dell’orecchio destro, e poi lo sputò».
«Ho dimenticato di portare la carta!» disse Montale appena approdato nella villa. L'indomani gli fu procurata una risma da trecento fogli con relativa carta carbone e, per perfezionare il tutto, Giusti infilò anche un foglio nella macchina da scrivere, ma per tutta l'estate Montale non vi scrisse niente. 
Carmelo Bene fu un uragano per la sua tranquillità. I due Artisti erano come il giorno e la notte, l’ordine e il disordine, Apollo e Dioniso. S’incrociavano al massimo per sei o sette ore al giorno, perché l’attore non si alzava prima delle quattro di pomeriggio, mentre il poeta alle undici andava a letto. Un odio cordiale che solo due grandi come loro potevano accendere.

Riproduzione riservata © Copyright I Parchi Letterari


Caterina Lucia

Ribelle, testarda e con un animo fortemente punk. Sempre alla ricerca della bellezza, sono amante della musica, dell’arte, della poesia e del caos. Guardo oltre le apparenze, mi riconosco nei particolari impercettibili.  La scrittura è divenuta una necessità, per dissestare i miei pensieri. Scrivo per la rivista SOund36 Magazine di Cultura Musicale, Arti e Spettacolo.



Montale e Le Cinque Terre
Scopri il parco

Montale e Le Cinque Terre

Cinque Terre (La Spezia)

(..) per miracolo tace la guerra,
qui tocca anche a noi poveri la nostra parte di ricchezza
ed è l’odore dei limoni. (..)

Eugenio Montale (I Limoni, Ossi di seppia)

Torna indietro

Potrebbe interessarti anche

Borgo universo

Silone stenterebbe a riconoscere i conterranei. Se da Pescina si incamminasse fino ad Aielli troverebbe all’ingresso del paese un segno del mutare del tempo: un edificio industriale abbandonato su cui uno street artist ha disegnato lucciole e cinghiali

Gesualdo Bufalino e Comiso

Da amanti è il rapporto che lega uno scrittore al suo luogo di nascita. Quello tra Bufalino e Comiso è tra i più appassionati e duraturi: "...dei ventitremila giorni e passa che ho vissuto finorane avrò trascorso in questo luogo almeno ventunmila..."

Fuga in provincia con Tommaso Landolfi

Landolfi è una delle penne più raffinate della letteratura europea del Novecento. Fu perlopiù autore di racconti fantastici, contrassegnati da una pungente vena dissacrante sia nei confronti dei costumi tradizionali italiani che della società di massa

Nostalgia, sogno e libertà

Come disse eloquentemente lo scrittore israeliano Eshkol Nevo: “Casa è un posto in cui puoi tornare se vuoi. E non c’è bisogno di avere più di un posto del genere”.

Letteratura, viaggio ed escamotage ai tempi del digitale.

In un mondo rimpicciolito e omologato, in cui macchine e computer ci consentono di solcare immense porzioni di spaziotempo, la letteratura indica un territorio sconosciuto e sconfinato, regioni straniere che coincidono col dominio dell’invisibile

Milite Ignoto, cittadino d'Italia

È il 28 ottobre 1921, nella basilica di Aquileia sono allineate undici salme di soldati senza nome prelevate da altrettanti campi di battaglia della prima guerra mondiale con le caratteristiche di essere sicuramente italiane, ma non identificabili
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®