Torna agli Eventi

Autori di oggi Capolavori di ieri

31 Marzo 2017

Febbraio - Maggio 2017, Ville medicee di Poggio a Caiano e La Ferdinanda di Artimino. I Parchi Letterari sono fieri di patrocinare la III ed de I CLASSICI DELLA LETTERATURA RILETTI DA GRANDI SCRITTORI, a cura di Carla Lomi
I Parchi Letterari sono fieri di patrocinare la III edizione de

Autori di oggi. Capolavori di ieri

I CLASSICI DELLA LETTERATURA RILETTI DA GRANDI SCRITTORI
a cura di Carla Lomi  
Febbraio - Maggio 2017.  Villa Medicea di Poggio a Caiano e Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino . 

Le ville medicee Ambra di Poggio a Caiano e La Ferdinanda di Artimino - da sempre luoghi di diletto per la loro grazia e bellezza solenne e familiare, ora siti UNESCO, patrimonio dell'umanità – ospiteranno questa III edizione di incontri: una rassegna per riscoprire insieme i classici della letteratura mediante l'incontro diretto con grandi autori del nostro tempo. La loro voce evocativa pone domande, avvince e convince – lo conferma l'esperienza che abbiamo già condiviso con tante persone di diversa età – perchè sono, prima di tutto, lettori creativi che hanno saputo farsi pellegrini e viaggiatori nei vasti domini della letteratura universale, fino a conquistare, come scrittori, il proprio singolare sguardo sul mondo, e quello stile che li rende inimitabili. Mossi dall'inquietudine di chi non rinuncia a interpretare il mondo attraverso l'arte del narrare, seguono gli stessi impegnativi cammini tracciati dagli autori di capolavori, che, da esploratori delle passioni umane, hanno dato un nome al conosciuto e al segreto, tenendo desti gli enigmi della vita. Così riscoprendo insieme a loro i classici che più hanno ammirato, la nostra stessa coscienza storica e culturale si nutre e si rinnova.

Forse per questo il nostro percorso - che si pone al centro di un doppio registro, di un ponte tra ieri e oggi, con un significativo spazio dedicato quest'anno alla poesia, fonte inesauribile dell'immaginario - trova conferme, perchè alimenta, mediante l'ascolto e il dialogo, preceduto dalla lettura individuale, un nostro personale peregrinare fra dubbi, scoperte e desideri. Questi grandi modelli della letteratura ci raccontano infatti storie, mirabili per concentrazione ed efficacia, che non hanno la presunzione di interpretare la Storia, ci mostrano piuttosto personaggi viventi con la loro personale, irripetibile memoria che rivelano realtà che appartengono alla nostra umanità, facendoci sentire parte di una trama più vasta di quella in cui abitualmente ci riconosciamo.

Questo esodo, prodotto dalla lettura di opere che hanno superato od infranto le barriere spazio temporali, alla ricerca del significato che rivestono in sè e per noi, è dunque un'esplorazione attiva di nuovi territori, è creare una distanza fra noi e l'attualità, non per esiliarci dal presente ma per ampliare la nostra conoscenza; per capire, in un tempo dominato dalla sfiducia verso il futuro, la nostra posizione nel mondo con più consapevolezza e creatività. I classici letti ed amati ci cambiano, mentre, fulgidi, mantengono inalterato e nuovo il loro valore universale.
Carla Lomi
Programma:
11 febbraio 2017
Villa Medicea di Poggio a Caiano
Marcello Fois, I promessi sposi di Alessandro Manzoni

4 marzo 2017
Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino
Antonio Moresco, Un altro scrivere : Lettere di Franz Kafka a Max Brod

18 marzo 2017
Villa Medicea La Ferdinanda di Artimino
Michela Murgia, L'ultima tentazione di Cristo di Nikos Kazantzakis

8 aprile  2017 

Villa Medicea di Poggio a Caiano
Paolo di PaoloBartleby lo scrivano di Herman Melville 

22 aprile 2017

Villa Medicea di Poggio a Caiano
Francesco Benozzo, Foglie d'erba di Walt Whitman

27 maggio 2017
Villa Medicea di Poggio a Caiano
Edoardo Albinati, Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi
Le lezioni iniziano alle ore 17,00 Ingresso libero fino ad esaurimento posti
INFO
055 8701280, e-mail: ufficio.cultura@comune.poggio-a-caiano.po.it 
055/8750231, e-mail: cultura@comune.carmignano.po.it 
www.comune.poggio-a-caiano.po.it 
www.comune.carmignano.po.it

Vedi il Programma completo in allegato: PROGRAMMA. ALLEGATO1

11 Febbraio 2017
I promessi sposi di Alessandro Manzoni

Cos'è che rende un testo, un testo classico Quale progetto e quale pensiero stanno alla base di quelli che noi riteniamo romanzi immortali Attraverso l'esempio dei Promessi Sposi proveremo a raccontare la genesi e la genetica del romanzo di fondazione. Di quel dispositivo cioè che rappresenta una novità pur insistendo su temi noti, che inventa una scrittura pur apparendo tradizionale, che propone un contenuto straordinariamente ordinario. Il capolavoro di Manzoni è un terreno perfetto per raccontare un romanzo fuori dal romanzo, esporne l'albero genealogico, specificarne il peso specifico e il grado di "permanenza" che solo la grande letteratura sa esprimere.
I promessi sposi sono un territorio perfetto per specificare quanto in letteratura conti coltivare un Presente Costante, che diventa classico, piuttosto che un Attuale Passeggero, che sparisce con la generazione che l'ha prodotto. I Promessi Sposi è il nostro romanzo nazionale, l'unico scritto vent'anni prima che la Nazione a cui si riferisce nascesse. Le intuizioni di Manzoni sulle specificità che ci caratterizzano come italiani restano punti cardine dell'idea che possiamo farci di noi stessi come popolo. (M: Fois)

Marcello Fois, è uno scrittore, commediografo e sceneggiatore italiano. Ha pubblicato molti libri, tra cui ricordiamo: Picta (Premio Calvino, 1992), Nulla (Premio Dessì), Sempre caro (Premio Scerbanenco), Gap e Sangue dal cielo, Ferro Recente e Meglio morti , Dura madre (Premio Fedeli e Premio Lama), Piccole storie nere , Memoria del vuoto (Premio Super Grinzane Cavour 2007, Premio Volponi 2007 e Premio Alassio 2007), Stirpe (Einaudi, 2009), Nel tempo di mezzo (Supercoralli, 2012), L'importanza dei luoghi comuni (Einaudi, 2013), Luce perfetta (premio Asti d'Appello 2016. Ultima edizione, Super ET 2016) e Quasi Grazia (Einaudi, 2016). Nel 2006 ha pubblicato la raccolta di poesie L'ultima volta che sono rinato. Sempre per Einaudi, ha pubblicato Manuale di lettura creativa (2016).

Letture: Angela Giuntini, attrice

4 Marzo 2017

Un altro scrivere :Lettere di Franz Kafka a Max Brod
Oltre che un grande scrittore di romanzi e racconti -a mio parere il più grande e nevralgico del Novecento- Kafka è anche un grande scrittore di lettere e diari. I suoi epistolari sono tra i più intrepidi, disarmati e profondi scritti in epoca moderna e stanno alla pari con pochi altri grandi epistolari, come quelli di Leopardi, Van Gogh e Flaubert. Le lettere di cui parlerò sono quelle scritte da Kafka a Max Brod, cui lo legava un'intensa amicizia ma anche una sensazione di totale incomprensione da parte dell'amico ("Io sono incomprensibile a Max e là dove gli risulto comprensibile, si sbaglia" scrive Kafka a Felice Bauer). Ciò rende questo epistolario un enigma, culminante nella richiesta che Kafka in punto di morte rivolge proprio all'amico: di distruggere le sue opere ancora inedite. (A. Moresco)

Antonio Moresco, nato a Mantova nel 1947, è uno dei più importanti e originali scrittori italiani. Esordisce nel 1993 con Clandestinità. Della sua vasta opera romanzesca, saggistica e teatrale, ricordiamo: Gli esordi, Canti del caos, Gli increati, Lettere a nessuno, Gli incendiati, La lucina (da cui è stato tratto un film interpretato dallo stesso autore), Fiaba d'amore e L'addio. E' tradotto in diverse lingue.

Letture: Elisabetta Santini, attrice 


18 Marzo 2017
L'ultima tentazione di Cristo di Nikos Kazantzakis
In questo romanzo grandioso e di profondo impatto emotivo, Kazantzakis, uno dei più grandi scrittori del Ventesimo secolo, rivisita il Vangelo secondo una visione laica di Cristo. Kazantzakis racconta l'amore e la passione di un uomo: Gesù di Nazaret. Figlio di un falegname, l'uomo Gesù vorrebbe amare una donna e avere una famiglia, ma la voce di Dio risuona dirompente nel suo animo, lo arma di una forza superiore a quella di mille eserciti, gli impone rinunce e sofferenze. Il conflitto interiore dell'uomo, la lotta fra carne e spirito, l'istinto di ribellarsi e il desiderio insopprimibile di unirsi a Dio vengono evocati in un affresco narrativo che celebra il supremo sacrificio di Cristo. Sulla croce, ormai moribondo, Gesù ha una visione di come sarebbe stata la sua vita se non avesse seguito il richiamo di Dio. È l'ultima tentazione, quella che Cristo respinge morendo per l'intero genere umano.

Michela Murgia è nata a Cabras nel 1972. Nel 2006 ha pubblicato con Isbn Il mondo deve sapere, il diario tragicomico di un mese di lavoro che ha ispirato il film di Paolo Virzì Tutta la vita davanti. Per Einaudi ha pubblicato nel 2008 Viaggio in Sardegna. Undici percorsi nell'isola che non si vede, nel 2009 il romanzo Accabadora, vincitore del Premio Campiello 2010, nel 2011 Ave Mary (ripubblicato nei Super ET nel 2012), nel 2012 Presente (con Andrea Bajani, Paolo Nori e Giorgio Vasta) e L'incontro. È fra gli autori dell'antologia benefica Sei per la Sardegna (Einaudi 2014, con Francesco Abate, Alessandro De Roma, Marcello Fois, Salvatore Mannuzzu e Paola Soriga), i cui proventi sono stati destinati alla comunità di Bitti, un paese gravemente danneggiato dall'alluvione. Sempre per Einaudi ha pubblicato il romanzo Chirù (2015) e Futuro interiore (2016).

Letture: Italo DallOrto, attore

8 aprile 2017

Bartleby lo scrivano di Herman Melville 
Dopo aver scritto un capolavoro come Moby Dick, Herman Melville scrive un racconto all'apparenza esile, senza grandi paesaggi, senza grandi lotte. Si intitola Bartleby lo scrivano ed è la storia di un uomo "grigio". Uno che, all'improvviso, compie una scelta silenziosa quanto radicale: risponde "avrei preferenza di no" a qualunque richiesta gli sia sottoposta. È un modo per sottrarsi definitivamente alla vita Una forma di apatia assoluta O è qualcosa di più Da Calvino a Celati a Vila-Matas, tanti grandi autori contemporanei si sono confrontati con la scelta di Bartleby, per afferrare il segreto di quel "no", che forse non è solo una negazione. (P. Di Paolo)

Paolo Di Paolo è nato nel 1983 a Roma. E' autore dei romanzi Raccontami la notte in cui sono nato" (2008), Dove eravate tutti (2011, Premio Mondello e Super Premio Vittorini) e Mandami tanta vita (2013, Premio Salerno Libro d'Europa, Premio Fiesole Narrativa e finalista Premio Strega), tutti nel catalogo Feltrinelli. Ha curato un'antologia di Piero Gobetti, Avanti nella lotta, amore mio Scritture 1918-1926 (2016). Molti suoi libri sono nati da dialoghi: con Indro Montanelli, a cui ha dedicato Tutte le speranze (2014, Premio Benedetto Croce); con Antonio Debenedetti, Dacia Maraini, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, di cui ha curato Viaggi e altri viaggi (2010), e Nanni Moretti. Ha pubblicato tra l'altro Ogni viaggio è un romanzo (2007), La mucca volante (2014, finalista Premio Strega Ragazze e Ragazzi) e Giacomo il signor bambino (2015; Premio Rodari). Per il teatro ha scritto Istruzioni per non morire in pace (2015). È tradotto in diverse lingue europee. ll suo nuovo libro è Tempo senza scelte. 

Letture: Andrea Giuntini, attore 

22 Aprile 2017

Foglie d'erba di Walt Whitman
Foglie d'erba è un territorio di esplorazione poetica che ha seguito la vita di Walt Whitman dal 1855 (quando era trentaseienne) al 1892, anno della sua morte, per ben otto edizioni. Un'opera con cui non soltanto nasce buona parte del linguaggio poetico moderno, ma grazie alla quale, soprattutto, si crea un vasto spazio di percezioni che fanno ormai parte del nostro modo di guardare la realtà. Col passare del tempo Foglie d'erba si rivela come un testo a cui risultano sempre più strette le definizioni critiche che lo hanno via via accompagnato ("la Bibbia americana", "il poema del Nuovo Mondo", "il canto della democrazia"). A monte di ogni sua categorizzazione storica o storicoletteraria, esso è un canto del mondo e dell'uomo, un laboratorio di scrittura e di erranza, un paesaggio in versi stratificato e magnificente, al tempo stesso archetipico, primordiale e avanguardista. (F. Benozzo)

Francesco Benozzo insegna filologia romanza all'Università di Bologna. Poeta e cantautore, è considerato uno dei più accreditati interpreti contemporanei dell'arpa celtica. In ambito linguistico ha avanzato la teoria secondo la quale il linguaggio umano nacque già con gli australopitechi, tre milioni di anni fa. Ha all'attivo più di 600 pubblicazioni e 9 CD. L'ultimo lavoro poetico è La capanna del naufrago (Kolibris, 2017, tradotto in inglese, tedesco e francese), l'ultimo CD L'inverno necessario (Tutl Records, Danimarca, 2016), l'ultimo libro filologico Carducci (RCS - Rizzoli Corriere Della Sera, 2016). Candidato al Premio Nobel per la Letteratura per la sua poesia incentrata sui paesaggi naturali e su una dimensione orale e performativa del gesto poetico, nel 2016 è stato l'autore più votato dalla giuria di lettori internazionali sul sito ufficiale dell'Accademia Svedese.

Letture: Francesco Benozzo, poeta e musicista

27 maggio 2017
Le avventure di Pinocchio. Storia di un burattino di Carlo Collodi
Se uno straniero o un marziano mi chiedesse di spiegargli cos'è l'Italia e come sono gli Italiani, farei prima a suggerirgli di leggere "Pinocchio", perché in una favola crudele con un burattino e parecchi animali sono concentrati e intrecciati un esauriente trattato sul carattere di questo popolo + le avventure di un ragazzo più o meno scapestrato che tenta di diventare grande sfuggendo alle logiche che governano le istituzioni di tale paese (scuola, lavoro, legge, salute...) + il paesaggio incredibilmente movimentato di mare e di monti + tutti i sentimenti e i gusti che si affollano nel cuore inesauribile dell'Italiano: la speranza, la beffa, l'astuzia, l'ingenuità, la crudeltà, il risentimento, il rimpianto, la vendetta, la generosità, l'inganno. (E. Albinati)

Edoardo Albinati (Roma, 1956) è scrittore, sceneggiatore, traduttore. Da oltre vent'anni lavora come insegnante nel penitenziario di Rebibbia, esperienza narrata nel diario Maggio selvaggio. Suoi reportage dall'Afghanistan e dal Ciad sono usciti sul "Corriere della Sera", "la Repubblica", "The Washington Post". Ha scritto film per il cinema di Matteo Garrone e Marco Bellocchio. Tra gli ultimi libri pubblicati, ricordiamo Tuttalpiù muoio con Filippo Timi e Vita e morte di un ingegnere. Con il romanzo La scuola cattolica ha vinto la settantesima edizione del Premio Strega.

Letture: Moreno Fabbri, attore



Autori di oggi Capolavori di ieri  - Foto 1Autori di oggi Capolavori di ieri  - Foto 2Autori di oggi Capolavori di ieri  - Foto 3
Torna agli Eventi
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®