Torna agli Eventi
Immagina Mancante

Presepe Vivente di Tursi edizione 2014

09 Gennaio 2015

I Parchi Letterari® Albino Pierro di Tursi (Matera) ed il Presepe Vivente con oltre 100 figuranti in costume rigorosamente curati per la riproposizione scenica della Natività negli angoli più suggestivi dell'antico quartiere saraceno della Rabatana

I Parchi Letterari® Albino Pierro

Presepe Vivente di Tursi edizione 2014


vedi il video di Nicola Crispino

 
La rappresentazione vivente della nascita di Gesù discende dall’idea di far rivivere i personaggi del presepe in pietra, di Altobello Persio da Montescaglioso del XVI sec. d.C., custodito nella cripta della Chiesa di Santa Maria Maggiore in Rabatana, rianimando, così, lo stesso quartiere che dagli anni ’70 ha subito un progressivo spopolamento. 

Organizzato dalla Pro Loco Tursi in collaborazione con il Comune di Tursi e della Parrocchia Cattedrale “Maria SS. Annunziata”, il presepe vivente è giunto alla quattordicesima edizione, con oltre 100 figuranti in costume rigorosamente curati per la riproposizione scenica della Natività negli angoli più suggestivi della Rabatana.

L’antico quartiere arabo, perla preziosa della Comunità tursitana, offre una straordinaria location all’Evento Presepe, per riproporre, si auspica, l’incanto della Betlemme di duemila anni fa, per donare pace e serenità a quanti lo visiteranno, nel segno della stella splendente del suo fulgido candore.

Visita il sito ufficiale del Presepe Vivente di Tursi

Parchi Letterari® Albino Pierro, Tursi (Mt)

Quella di Tursi, il mio paese in provincia di Matera, era una delle tante parlate destinate a scomparire. Ho dovuto cercare il modo di fissare sulla carta i suoni della mia gente. Così Albino Pierro (1916 –1995) spiega la svolta dialettale della sua poesia per cui venne più volte candidato al Nobel per la Letteratura.

Un itinerario immersi in quei luoghi descritti dal Poeta, un incredibile esempio di architettura spontanea ricca di volte, vicoli, grotte e scale, tra cui le petrizze, una ripida strada realizzata nel ‘600 da Carlo Doria con lo stesso numero di gradini di Palazzo Doria a Genova. In alto domina il rione saraceno della Rabatana (dal saraceno Rabat), circondato dai burroni, le Jaramme cantate dal poeta, i Calanchi descritti anche da Levi e che dominano la Val d’Agri. Sede del Parco è la casa di Albino Pierro (‘u paazze), oggi aperta al pubblico.



Torna agli Eventi
I Parchi Letterari®, Parco Letterario®, Paesaggio Culturale Italiano® e gli altri marchi ad essi collegati, sono registrati in Italia, in ambito comunitario ed a livello internazionale - Privacy Policy
Creazione Siti WebDimension®